Inalme chiude il 2021 sfondando il muro dei dieci mln di euro di fatturato

Consolidata la presenza sui mercati esteri.

Per Alta Natura® sei nuovi dispositivi medici, due nuove linee cosmetiche per il viso, una nuova linea cosmetica per il corpo e capacità produttiva aumentata del 50% rispetto a soli tre anni addietro.

(Catania) Inalme srl chiude il 2021 sfondando il muro dei 10mln di euro di fatturato. Traguardo storico per l’azienda catanese leader nella produzione di integratori alimentari, cosmetici e dispositivi medici, a marchio Alta Natura® e per conto terzi, rigorosamente naturali, biologici ed eco-sostenibili; attività che Inalme sviluppa interamente nel moderno stabilimento della zona industriale di Catania. “Siamo soddisfatti dell’importante risultato centrato anche se siamo stati parzialmente frenati dalla difficoltà di approvvigionamento di alcune materie prime e dalla scarsa disponibilità di container accusata in una parte del 2021” sottolinea Fabio Impellizzeri, amministratore unico di Inalme. 

Il 2021 si è rivelato strategico anche per consolidare la presenza sui mercati esteri. Con le attività relative alla produzione Conto Terzi e tramite i distributori esclusivi di Alta Natura, l’Azienda  è presente a Malta, in Grecia, Albania, Kosovo, Azerbaigian, Cipro e Romania. “La produzione contro terzi è una importantissima divisione dell’azienda. Il terzista che si affida a Inalme rappresenta un vero e proprio partner per il quale siamo in grado di curare l’intera produzione, dalla ricerca e sviluppo al packaging, stringendo rapporti di collaborazione tali che consentono di centrare una crescita reciproca” continua Impellizzeri.

Anno da incorniciare anche per Alta Natura, marchio consolidato nella fitoterapia e cosmetica di eccellenza, che registra un aumento del fatturato del 15% ed una crescita dei punti vendita, distribuita in maniera omogenea sull’intero territorio nazionale, del 20%.

Performance scaturite dai prodotti storici (Depurativo Rheum, Sedazen, Ansiophil, Reflumil, Endacyd, solo per citarne alcuni), sempre più apprezzati, ed anche dalle importanti novità maturate nel corso dell’anno. 

A partire dalle due nuove linee cosmetiche per il viso (Rosa Mosqueta e Rosa Alpina) che arricchiscono il progetto “food for skin, cosmetica naturale altamente tecnologica”, caratterizzato dall’impiego di principi attivi la cui efficacia è supportata da importati studi. Introdotta anche una nuova linea di bagnodoccia, per il 95% di origine naturale, rivolta a tutta la famiglia e che si contraddistingue per l’incontro fra le virtù dell’aromaterapia e le capacità rigeneranti della fitocosmesi, priva (0%), peraltro, di sls, sles, peg, parabeni, coloranti e siliconi. 

Alta Natura conta a listino circa 1250 codici e oltre 80 complessi esclusivi, un’offerta caratterizzata dagli insegnamenti della tradizione erboristica e dal rigore e dalla precisione del metodo scientifico che si traduce in elevati standard di qualità e di sicurezza. I prodotti, inoltre, sono periodicamente aggiornati.

Nel 2021 Alta Natura ha allargato i propri orizzonti, puntando con decisione sul mercato dei dispostivi medici e presentando sei nuovi prodotti, un risultato che è il frutto di un’intensa attività di ricerca e sviluppo durata ben tre anni; si tratta di due dispositivi medici per l’area gastro-intestinale (Gastrigen, Spasmina IBS) due per il trattamento della tosse (Flogomucil Tosse Adulti e Flogomucil Tosse Bambini) e due per il benessere intimo femminile Gynorepair Spray Liposomiale vaginale Gynorepair lavanda vaginale Liposomiale.

“Negli ultimi anni abbiamo riscontrato prescrizioni dei nostri integratori sulla sola base delle schede scientifiche realizzate ed in assenza di una mirata attività di divulgazione, pertanto, siamo stati invogliati a compiere questo passo. Le nostre specialità rispondono così bene alle richieste salutistiche che riteniamo opportuno avviare un progetto di informazione medica, partendo chiaramente dai sei nuovi dispositivi medici” sottolinea Impellizzeri.

Significative novità anche sul fronte della capacità produttiva che oggi è superiore del 50% rispetto a soli tre anni addietro, risultato possibile grazie agli investimenti in impianti, macchinari, attrezzature e software.  Ulteriori interventi sono stati compiuti per aggiornare i software di business intelligence, controllo di gestione e per la gestione della piattaforma logista.  

Inalme, inoltre, è sempre stata in prima fila nella tutela dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile, a partire dall’impianto fotovoltaico avviato già nel 2013 e che oggi, ricoprendo l’intero tetto dello stabilimento, consente di produrre circa il 70-80% dell’energia elettrica impiegata

L’attenzione alla sostenibilità ambientale ha guidato anche l’accurata scelta dei materiali per gli imballaggi che sono sostenibili, riciclabili e biodegradabili; è stato ridotto anche lo scarto derivante dei campioni omaggio dei prodotti cosmetici la cui dimensione, a parità di prodotto, è stata abbattuta del 30%.

Anche il materiale impiegato a protezione dei prodotti durante le spedizioni è riciclabile al 100%, la stessa carta impiegata proviene da una gestione corretta delle foreste (FSC). La sostenibilità ambientale è alla base anche della gestione delle risorse idriche il cui impiego è ottimizzato riutilizzando le eccedenze nella rete di irrigazione dei giardini aziendali.